Articoli

Musei Cagliaritani: il percorso che te li fa scoprire tutti

Cagliari è una Città ricca di Musei, che ne raccontano e conservano la storia. Se aggiungiamo alla lista anche i siti archeologici, al chiuso e all’aperto, la lista potrebbe diventare infinita. Quindi, ti racconteremo brevemente quale percorso seguire per conoscere i Musei cagliaritani nel modo più semplice possibile.

Dalla Cittadella dei Musei ai luoghi di culto in cui si conserva l’importante storia religiosa della Città, fino ad arrivare all’anfiteatro romano e al Giardino Botanico per gli amanti della natura e dell’archeologia. Cagliari è ricca di Musei, all’aperto e al chiuso, che vale la pena conoscere e visitare.

Il polo culturale più importante è la Cittadella dei Musei, il quale è costituito, dalla Pinacoteca nazionale con i suoi magnifici retabli, il Museo Archeologico nazionale con le preziose testimonianze dell’epoca nuragica e il quale oggi conserva parte delle Statue dei Giganti di Monte Prama, la raccolta delle cere anatomiche di Clemente Susini e la collezione del Museo Etnografico.

A poca distanza dalla Cittadella, trovate immersa nella natura dei Giardini Pubblici con i caratteristici ficus secolari, la Galleria comunale d’arte, sede della bellissima collezione permanente degli artisti sardi contemporanei, tra cui le opere di Francesco Ciusa. 

Inoltrandosi nel cuore del quartiere Castello, il vecchio Palazzo di Città ospita oggi la sede dei Musei Civici Cagliaritani, ovvero interessanti e uniche mostre d’arte, moderna e contemporanea.

Da Castello si passa a Stampace per addentrarsi nel museo più verde della Città: l’orto Botanico di Cagliari. Inaugurato nel 1866, sotto la direzione del Prof. Patrizio Gennari, conserva circa 2000 specie vegetali, prevalentemente originarie dal Mediterraneo, ma con una buona presenza di piante grasse e tropicali. Di particolare interesse anche per gli amanti dell’archeologia, data la presenza di antiche cisterne romane, interamente percorribili e circondate dalla natura.

Per le persone più devote e religiose, consigliamo la visita dei musei del Duomo, del Santuario di Nostra Signora di Bonaria, dell’Arciconfraternita dei Genovesi e del Beato Nicola da Gesturi.